PARAPSICOLOGIA AL SERVIZIO

La Parapsicologia è una disciplina che oggi ha una posizione molto complessa nel paradigma dello studio dei fenomeni cosiddetti “paranormali”.

Possiamo estrapolare da Wikipedia una definizione abbastanza chiara della parapsicologia classica: “La parapsicologia è la disciplina che si propone di studiare con metodi scientifici tre categorie di fenomeni anomali: poteri psichici, interazione tra mente e materia e sopravvivenza alla morte. La parapsicologia non è solo lo studio di ogni fenomeno paranormale, nonostante si occupi di dimensioni e di fenomeni inerenti a processi estranei alle comuni e note leggi fisiche e alle esperienze sensoriali, ma comunque attribuibili alla psiche dell’uomo.”

Riprendendo la definizione brillantemente sintetizza da Wikipedia, la parapsicologia nasce da una necessità reale: esistono dei fenomeni dell’esistenza e dell’esperienza umana che, in qualche modo, appartengono alla psicologia ma che la psicologia ufficiale non studia e non riconosce.

Fenomeni come la telepatia, la visione a distanza, la psicocinesi, la medianità, la precognizione, la rabdomanzia,sono più comuni di ciò che si pensa e ne troviamo persino testimonianze fin dai tempi più remoti in tutte le culture, tracce che sono state anche raccolte da alcuni ricercatori e studiosi dell’insolito come Charles Fort che per decenni ha documentato meticolosamente questi fenomeni. Essi esistono ovunque e da sempre e se la psicologia ufficiale ha scelto, a causa di un rigido scetticismo, di non studiarli allora noi dobbiamo chiederci che cosa sono, da dove vengono e come si originano. Ecco che da queste domande nasce la parapsicologia.

Sebbene la scienza ufficiale non consideri questa disciplina una vera e propria scienza perché, appunto, tratta fenomeni non ufficialmente riconosciuti, essa è comunque stata portata avanti come se fosse una scienza a tutti gli effetti e, infatti, si fonda sull’utilizzo di un rigoroso metodo scientifico. Attraverso l’osservazione, la raccolta dei dati e vari esperimenti si cerca di formulare delle ipotesi che poi verranno verificate o confutate, al fine di scoprire le leggi che permettono a questi fenomeni di esistere.

Presupposto fondamentale da cui nasce il nome della disciplina è che l’origine di questi fenomeni sia in qualche modo legata alla psiche dell’uomo, a qualche aspetto di essa ancora sconosciuto, ma ciò implica che il fenomeno possa anche non essere di natura paranormale.

E’ abbastanza facile comprendere come mai questi fenomeni possano essere collegati alla coscienza umana. Prendiamo il caso della telepatia. Non ha a che fare con la fisica perché tra i due soggetti non c’è lo scambio di una sostanza concreta, ma immateriale: il pensiero. Poiché il fenomeno ha origine nella coscienza umana ed è uno scambio tra due coscienze potrebbe in qualche modo rientrare nella psicologia, ma in realtà non fa parte neanche di questa. Allora, è proprio in questo spazio che si inserisce la parapsicologia, cercando di dare una soluzione e una spiegazione.

PARAPSICOLOGIA CLASSICA O SCIENTIFICA

 

La parapsicologia classica o scientifica  tratta tutti i fenomeni cosiddetti paranormali? No. Infatti, come abbiamo appena detto, i fenomeni della parapsicologia classica devono in qualche modo essere legati alla coscienza umana, o addirittura devono avere origine da essa. Apparizioni religiose, avvistamenti ufologici, esperienze di premorte, astrologia, sciamanesimo e magia non sono studiati da essa.

A occuparsi della parapsicologia classica sono per lo più scienziati, ossia fisici e psicologi che per più di 100 anni hanno indagato questi fenomeni.

Nonostante questa ricerca sia stata portata avanti a lungo e per diverso tempo è stata soggetta a non poche accuse dalla scienza ufficiale.

Una delle più frequenti riguarda le prove raccolte da queste ricerche, considerate di scarsa qualità. Per i parapsicologi, infatti, non è facile raccogliere prove dato che i fenomeni non sono facilmente programmabili e spesso non ci sono le condizioni adatte per poterli raccogliere nel migliore dei modi.

Altra accusa importante è sulla non sempre riproducibilità degli esperimenti, una diretta conseguenza della prima accusa.

La terza e più comune accusa riguarda, invece, la mancanza di una vera conclusione e, di conseguenza, di una vera e propria teoria che spieghi, per esempio, l’interazione tra l’uomo e la materia o tra gli altri uomini e che avvenga a distanza come nel caso dei fenomeni di telepatia.

La parapsicologia spesso è vittima di frode a causa di persone che si improvvisano dotate di poteri ESP (percezioni extrasensoriali), ma che in realtà utilizzano semplicemente trucchi da prestigiatore.

Con il passare del tempo è diminuito l’interesse degli scienziati nei confronti della parapsicologia anche perché sono stati ridotti i fondi a sua disposizione.

PARAPSICOLOGIA PRATICA

 

In questa sede eviterò di ripercorrere la lunghissima storia di questa disciplina perché esula dagli scopi di questo articolo, il cui obiettivo è fare una riflessione su cosa sia la parapsicologia classica e che direzioni stia prendendo la parapsicologia moderna di oggi che insegna di come diventare dei parapsicologi praticanti, conoscere e sperimentare più discipline possibili su sé stessi. 

La parapsicologia che è lo studio del paranormale, vale a dire lo studio dei fenomeni che spesso non hanno una spiegazione logica e scientifica come la telepatia, la chiaroveggenza, il channeling, la medianità, la psicometria, i viaggi astrali, la levitazione, la reincarnazione, la visione a distanza, la guarigione, lavoro con il pendolo o altri oggetti simili ecc…  e tutto questo un parapsicologo saprà produrre e sperimentare su sé stesso personalmente.

 

PARAPSICOLOGIA ESOTERICA E/O MISTICA

 

Chi sceglie di fare questo percorso vuole qualcosa di più dalle proprie capacità sensitive, perché si vuole spingere al di là della semplice percezione per giungere ai PERCHE’ profondi dell’Universo… in un certo senso compie un percorso filosofico. 

Chi è il Mistico? L’etimologia della parola ci dice che il mistico è colui che ha un’esperienza diretta del regno del sacro e del Divino. Nella sua ricerca spesso in solitario dei principi e delle leggi che fanno funzionare la magia, il mistico si rivolge alla fonte di tutto ciò che esiste, ossia il Creatore. Esso è la fonte di tutte le forze, la fonte di tutto ciò che è.

Quando la nostra vita si trasforma in modo magico avviene una sorta di Miracolo, o così viene visto agli occhi di coloro che non sanno. Ma, in realtà, il miracolo non è niente di impossibile: diventa possibile se sappiamo come fare, attraverso le giuste sapienze. 

Il percorso dell'esoterico-mistico è un percorso di profonda conoscenza di sé stessi, è un percorso prima di tutto filosofico perché vi porta a chiesere cos’è per voi la vita, cos’è per voi la morte, come vivete il tempo, ecc ecc. 

 

L'articolo presentato da Slavy Gehring